Ultime notizie di Business e Conoscenza Live Feed: Impresa Tecnologia Gestione della conoscenza Web Innovazione
Google

giovedì 11 dicembre 2008

Health-e-Child vince il primo premio all' ICT Exhibit di Lione

Come riportato nel sito ufficiale della manifestazione, il progetto Health-e-Child ha vinto "l'ICT 2008 Exhibit Grand Prize” , il primo premio del più grande meeting europeo annuale dedicato all'Information and Communication Technologies, recentemente conclusosi a Lione.

Una vittoria che parla italiano. La soddisfazione è doppia in quanto a coadiuvare il folto gruppo di ricercatori, istituti di ricerca e aziende coinvolte è stato un ospedale italiano noto in tutto il mondo per l'eccellenza in campo pediatrico: il Gaslini di Genova.

“Siamo molto orgogliosi per questo premio – spiega il dottor Giacomo Pongiglione, direttore del dipartimento Cardiovascolare del Gaslini, e coordinatore clinico del progetto Health-e-Child - che è quanto di meglio potessimo sperare da parte dell'Unione Europea, quale riconoscimento della validità del nostro progetto. Speriamo quindi che l'UE estenda il progetto sia in termini temporali, oltre il 2010, sia aprendolo ad altri campi di applicazione, in aggiunta alle attuali patologie trattate: reumatologia, cardiologia e neuroncologia".
La valenza del progetto è indiscutibile e quindi il premio assolutamente meritato. Ulteriore conferma viene dal posto che il gruppo si è aggiudicato tra i finalisti dell'edizione 2007 dei Corporate Responsibility Award.

Ma con un pizzico di Europa. Il lavoro, durato circa 2 anni, è un’iniziativa targata Siemens, sviluppata in collaborazione con l’ospedale pediatrico Giannina Gaslini di Genova, il Great Ormond Street Children's Hospital di Londra e l’Assistance Publique Hopitaux di Parigi. Dal gennaio 2006 Health-e-Child è stato finanziato da diversi partner per un budget totale di quasi 17 milioni di euro, la maggior parte dei quali provenienti dall’Unione Europea. La stessa Siemens ha partecipato con un investimento che supera i 2 milioni di euro.

Limiti attuali. Molte patologie che colpiscono l’infanzia sono particolarmente complesse sia per la diagnosi, che per il trattamento: una difficile situazione aggravata dalla rarità con cui si presentano alcune malattie. La ricerca di una cura adeguata può trasformarsi in un vero e proprio calvario per i piccoli pazienti.

Health-e-Child punta ad agevolare il superamento di questi ostacoli, aiutando a ottimizzare le attuali procedure, molte volte insoddisfacenti.
Condividere l'eccellenza. Health-e-Child è un progetto integrato di ricerca, finanziato nell’ambito del Sesto Programma Quadro dell’Unione Europea, che si prefigge lo sviluppo di un sistema computerizzato di supporto clinico alla diagnosi e alla ricerca in pediatria, basato sull’integrazione verticale di dati e conoscenze di natura biomedica: dall’anamnesi alla diagnostica per immagini; dalla genetica all’epidemiologia; fino alla pratica clinica attraverso la modellizzazione delle patologie e l’attivazione di sistemi automatici di knowledge discovery.
Coordinato globalmente da Siemens AG (Germania) e, a livello clinico, dall’Istituto Gaslini di Genova, “Health-e-Child” vuole diventare un veicolo attraverso il quale i pediatri possano accedere ai dati e valutare informazioni biomediche. Uno strumento indispensabile per la pratica clinica quotidiana, per il processo decisionale - decision making - e per l’attività di ricerca.

Obiettivi. Basandosi sul concetto di knowledge sharing, ovvero sulla condivisione delle conoscenze per accrescere il capitale intellettuale, il sistema ha l'obiettivo di riunire tutti i dati clinici dei piccoli pazienti; leggerli e interpretarli tramite un innovativo modello di calcolo distribuito; collegare i maggiori ospedali pediatrici europei e allargare progressivamente la rete e l'intero sistema a livello globale; aumentare il numero di patologie trattate e le aree di intervento (oltre a quelle iniziali di cardiologia, oncologia e reumatologia), e fare di questa piattaforma un valido strumento di aiuto alla diagnosi, costruito sulla conoscenza maturata nei centri di eccellenza clinica.
In questo modo viene scongiurato il rischio di errori diagnostici e migliorato il recupero delle informazioni e delle best pratices mediche e chirurgiche.

La galleria del vento della medicina. Come spiega infatti il Dott. Pongiglione:

"Se la Ferrari deve provare un ammortizzatore per il Gran Premio del Canada ovviamente non porta auto e ammortizzatore sulle piste del Paese nordamericano, ma ricostruisce nei suoi laboratori tutte le condizioni che si possono creare. Con Health-e-Child accade lo stesso. Invece che studiare quanto può avvenire su diversi parametri del cuore, come ad esempio la sua capacità di contrarsi e l'attività di una valvola, lo specialista opera virtualmente sul proprio computer ricreando perfettamente il caso da verificare".


Figura_1 - Original cardiac Magnetic resonance imaging (MRI) acquired at Great Ormond Street Children's Hospital.
Figura_2 - Segmentation of the heart from 3-D MRI: Final segmentation
Figura_3 - A clipping plane is used to show up the myocardium (semi-transparent). In red: left ventricle, in blue: right ventricle.
In pratica, facendo riferimento alla documentazione registrata all'interno del database, è possibile stabilire già prima di un intervento quella che potrà essere la risposta effettiva dell'organo più importante del corpo.
Non solo. Usando la simulazione per visualizzare uno specifico dettaglio, per esempio la contrazione del ventricolo sinistro che deve spingere nell'aorta il sangue, sarà possibile osservare virtualmente quello che avviene sul malato in carne ed ossa, agendo di conseguenza.


Figura_4 - 3D Simulation of heart

Figura_5- Heart model and functions
Qualità, efficienza e universalità. L'impatto di una tecnologia di questa portata sulla qualità e l'efficienza diagnostica è assodato. Non possiamo che auspicare una rapida e capillare diffusione del "modello" su scala internazionale per consentire la creazione della più estesa piattaforma universale per la conoscenza biomedica e lo sviluppo di nuovi metodi in grado di incidere positivamente sulle procedure mediche, salvando così numerose vite.

A questo indirizzo è possibile scaricare un'anteprima del progetto:

1 commento:

Alastair ha detto...

Hi,

I’m getting in touch on behalf of Great Ormond Street Hospital. The hospital recently updated its website and moved page http://www.ich.ucl.ac.uk to http://www.gosh.nhs.uk.

I can see that you are linking to the old page and the hospital would be hugely appreciative if you could update the GOSH link on this page
so that the link points to www.gosh.nhs.uk

Great Ormond Street have spent a lot of time improving the site’s design to make it easier for visitors to find the information they need and it would be very helpful if you would continue sending visitors to the hospital’s homepage.

If you have any questions, or need help with this in any way don’t hesitate to get in contact.

Many thanks,
Alastair Natkiel

Posta un commento

 
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 2.5 Italy License.